ITA | ENG
Tipo Cinque

Tipo Cinque - L'Investigatore

Il Tipo Riflessivo e Cerebrale. Percettivo, Innovativo, Riservato e Isolato

BREVE DESCRIZIONE

I Tipi Cinque sono acuti, intuitivi, curiosi e riescono a impegnarsi e concentrarsi sullo sviluppo di idee e abilità complesse. Sono indipendenti, innovativi e inventivi, ma possono anche lasciarsi assorbire dai propri pensieri ed elaborazioni immaginarie e diventare distaccati, pur rimanendo ipersensibili e intensi. Hanno tipicamente problemi con l’eccentricità, il nichilismo e l’isolamento.

Al loro meglio: pionieri visionari, spesso all’avanguardia e in grado di immaginare il mondo in un modo completamente nuovo.

CARATTERISTICHE DEL TIPO CINQUE

Abbiamo chiamato il Tipo di personalità Cinque L’Investigatore, perché più di qualsiasi altro tipo desidera scoprire perché le cose sono come sono. I Cinque vogliono comprendere come funziona il mondo, che si tratti del cosmo, del mondo microscopico, animale, vegetale, minerale o il mondo della loro fantasia. Sono sempre alla ricerca, fanno domande e approfondiscono le cose in dettaglio.

Non accettano opinioni preconcette o dottrine e sentono un forte bisogno di sperimentare da sé la verità di molti assunti.

Dietro alla loro instancabile ricerca di conoscenza, risiedono profonde insicurezze circa la loro abilità di riuscire nella vita. I tipi Cinque sentono di non saper fare le cose bene come gli altri. Ma invece che impegnarsi in attività che potrebbero stimolare la loro sicurezza, “fanno un passo indietro” e si rifugiano nella loro mente, dove si sentono più capaci. La loro convinzione è che da quel posto sicuro che è la loro mente riusciranno alla fine a capire come fare le cose, così da potersi un giorno riunire al mondo.

I Cinque trascorrono molto tempo a osservare e contemplare, ascoltando il suono del vento o di un sintetizzatore, prendendo appunti sulle attività di un formicaio nel loro cortile. Mentre si immergono nelle loro osservazioni iniziano a interiorizzare la loro conoscenza e acquisiscono una sensazione di sicurezza in sé stessi. Poi possono uscire e suonare un pezzo al sintetizzatore o raccontare alle persone quello che sanno sulle formiche. Possono anche imbattersi in nuove ed emozionanti informazioni o produrre nuove e creative combinazioni di suoni (suonare un pezzo di musica basato sulla registrazione del suono prodotto dal vento e dall’acqua.).

Quando ottengono una verifica delle loro osservazioni e ipotesi o vedono che gli altri capiscono la loro opera, ciò è una conferma della loro competenza e questo soddisfa il loro Desiderio Fondamentale (“Sapere di cosa si sta parlando”).

La conoscenza, la comprensione e l’intuizione sono tenute in altissima considerazione dai tipi Cinque, perché la loro identità è costruita attorno al fatto di “avere idee” e di essere qualcuno che ha qualcosa di insolito e perspicace da dire. Per questo motivo non sono interessati a esplorare quello che è già familiare e stabilito; la loro attenzione é attratta invece dall’insolito, da ciò che si tende a ignorare, dal segreto, dall’occulto, dal bizzarro, dal fantastico, da ciò che è “impensabile”. Investigare “territori sconosciuti”, sapere qualcosa che gli altri non sanno o creare qualcosa che nessuno ha mai sperimentato , permette ai Cinque di avere una loro nicchia che nessun altro occupa. Essi credono che sviluppare questa nicchia sia il modo migliore per ottenere indipendenza e sicurezza in sé stessi.

Quindi, per la propria sicurezza e autostima i Cinque necessitano di almeno una zona in cui hanno un grado di esperienza che permette loro di sentirsi capaci e collegati col mondo. “Troverò qualcosa che so fare veramente bene e allora sarò in grado di andare incontro alle sfide della vita. Ma non posso avere altre cose che mi intralciano o che mi distraggono.” Quindi sviluppano una concentrazione intensa su qualsiasi cosa essi padroneggiano e in cui si sentono sicuri. Potrebbe essere il mondo matematico, o quello del rock and roll o della musica classica, o il mondo della meccanica delle auto, o del genere horror e della fantascienza, oppure un mondo interamente creato dalla loro immaginazione.

Non tutti i tipi Cinque sono accademici o dottori, ma a seconda della loro intelligenza e delle risorse che hanno a disposizione si impegnano con passione per acquisire una maestria in qualcosa che ha catturato il loro interesse.

Nella buona e nella cattiva sorte, le aree esplorate dai Cinque non dipendono dall’essere approvate dalla società; anzi, se gli altri sono troppo pronti a essere d’accordo con le loro idee essi tendono a temere che possano essere troppo convenzionali. La storia è piena di Cinque famosi che hanno capovolto modi accettati di comprendere e di fare le cose (Darwin, Einstein, Nietzsche). La maggior parte dei Cinque tuttavia si perde nelle complessità bizantine dei propri processi mentali, lasciando spazio all’eccentricità e all’isolamento sociale.

La concentrazione così elevata dei tipi Cinque può quindi portare a scoperte e innovazioni considerevoli, ma quando la personalità é più fissata può anche creare dei problemi controproducenti. Questo accade perché la loro concentrazione serve a distrarli dai loro più pressanti problemi pratici. Quali che siano le fonti delle loro ansie, relazioni, mancanza di forza fisica, non trovare lavoro e così via, i Cinque a Livello medio tendono a non affrontare tali questioni. Piuttosto, trovano qualcos’altro che li faccia sentire più competenti.

L’ironia è che non importa quale grado di maestria essi sviluppino nella loro area di competenza, ciò non può risolvere le insicurezze fondamentali riguardanti il loro funzionare nel mondo. Per esempio, come biologo marino un tipo Cinque può imparare tutto quello che c’é da sapere riguardo a un tipo di mollusco, ma se la sua paura é quella di non riuscire mai a gestire la sua famiglia in modo adeguato, ciò non avrà risolto la sua ansia sottostante.

Gestire direttamente le cose materiali può essere snervante per i Tipi Cinque. Passano molto del loro tempo a “raccogliere” e sviluppare idee e abilità che credono li renderanno sicuri di sé e preparati. Vogliono trattenere ogni cosa che hanno imparato e “portarla in giro nella loro testa”.

Il problema è che mentre sono assorbiti da questo processo non stanno interagendo con gli altri e nemmeno sviluppando altre abilità pratiche e sociali. Dedicano sempre più tempo a raccogliere e a occuparsi di ciò che hanno raccolto e sempre meno a qualsiasi cosa relativa ai loro reali bisogni.

Quindi la sfida dei Tipi Cinque è quella di capire che essi possono cercare risposte a qualsiasi argomento o problema accenda la loro immaginazione e allo stesso tempo mantenere i rapporti con gli altri, prendersi davvero cura di sé stessi e fare tutte quelle cose che sono essenziali per una vita sana.


(Don Richard Riso and Russ Hudson, 1999, The Wisdom of the Enneagram, New York, A Bantam Book, 208-210)